Il 19 in Piemonte

Come si prepara il torrone piemontese con le nocciole?

2 min read

Il torrone è un dolce buonissimo, tipico delle feste natalizie, fatto con albume d’uovo, zucchero, miele e farcito con frutta secca tostata, solitamente racchiuso fra due strati sottili di ostia. Tra i frutti secchi tipicamente usati ci sono le noci, le mandorle, le nocciole e le arachidi tostate. Può essere duro o morbido e insaporito dagli aromi, come il caffè o il cioccolato.
Sono davvero tante le varianti di questo che tra i dolci natalizi è uno dei più tipici, insieme al pandoro e al panettone. Ne esistono diverse versioni regionali, da quella della Sardegna a quella della Campania e del Piemonte o della Puglia, una diversa dall’altra tanto che anche la paternità di questo dolce resta piuttosto incerta. Il torrone alle nocciole è tipico della regione del Piemonte. È bianco e non presenta varianti anche se potete realizzarlo anche al cioccolato gianduia.
Per prepararlo in casa sono necessari: 550 g di nocciole pelate e tostate, 300 g di miele, 300 g di zucchero, 3 albumi d’uovo, 2 limoni e un pacchetto di ostie da comprare nei negozi di pasticceria.
Fate sciogliere il miele in un pentolino a bagnomaria; se non possedete un termometro da cucina, il metodo per capire se lo sciroppo è pronto è facile: versate una goccia del miele sciolto in un bicchiere d’acqua fredda e, se cristallizza, è pronto. In una piccola casseruola sciogliete, poi, lo zucchero con circa 100 ml di acqua, fino a ottenere lo sciroppo di zucchero. Montate, a questo punto, gli albumi a neve ferma e amalgamateli agli sciroppi fino a ottenere una consistenza spumosa. Aggiungete, per ultime, le nocciole e la scorza dei 2 limoni grattugiata.
Foderate con le ostie, che sembrano carta, uno stampo rettangolare e versate al suo interno il composto cremoso; ricoprite con altri fogli di ostia e lasciate raffreddare per mezz’ora.
Con le nocciole si può preparare anche un torrone tipico della regione Campania: il cosiddetto torrone dei morti, chiamato così perché preparato in occasione della celebrazione del 2 novembre. Il procedimento è diverso da quello seguito per preparare il classico torrone ed è prettamente a base di nocciole e cioccolato.