Il 19 in Piemonte

L’acqua del fiume Po è più pulita? Sembra di sì, ma…

2 min read

Il fiume Po pare sia tornato a splendere in epoca di quarantena. Ma le autorità parlano chiaro. ”Siamo molto cauti – premette l’assessore regionale all’Ambiente, Matteo Marnati – perché la limpidezza dell’acqua non è sinonimo di buona qualità. Faremo tutte le analisi per paragonare questo periodo a quello dell’anno scorso. Un aspetto su cui puntiamo è il rimboschimento sulle sponde dei fiumi. Il modello è quello del torrente Tiglione, dove lungo il bacino saranno piantati 65mila alberi. Una sorta di autostrada verde. Le radici infatti assorbono gli inquinanti e puliscono il fiume, oltre che naturalmente l’aria ” . Il lockdown ha permesso alle amministrazioni di avere dati finora ignoti. E che potrebbero essere l’incipit per ridiscutere le politiche in ambito ambientale.

“I rilievi di questo periodo – sottolinea Giorgio Prino, presidente di Legambiente del Piemonte e della Valle d’Aosta – deve essere da stimolo per il futuro, per non tornare alle vecchie politiche industriali. Non abbiamo ancora dati certi sul fiume Po, ma senza dubbio la natura sta tornando a impadronirsi di spazi che un tempo erano suoi”. Anche l’acqua della Dora Riparia è tornata a essere limpida. “È presumibile che questo cambiamento sia legato alla diminuzione delle attività produttive – spiega Francesca Bona, professore di Ecologia Applicata all’Università di Torino e del Centro Studi Alp Stream – ma per averne la certezza bisognerà attendere le analisi. Senza dubbio anche l’assenza di cantieri sul fiume, che rendono l’acqua molto torbida, ha influito. Come la siccità di questi giorni ” . Che un’acqua più cristallina non significhi per forza un miglioramento, lo dimostra la storia del lago d’Orta. “Negli anni ’30 aveva un colore bellissimo – fa presente Paolo Mancin, dirigente del settore Tutela Acque della Regione – , ma in realtà pesci e molluschi erano morti. Poi la fauna ittica è rinata, senza che la limpidezza del lago sia mutata. Non bisogna basarsi solo sul fattore estetico”. Sono tanti i fattori che devono essere ancora presi in considerazione.