Il 19 in Piemonte

Addio alla distanza di sicurezza sui treni.

2 min read

Da oggi, venerdì 10 luglio, in Piemonte si potrà viaggiare a pieno carico sui treni, sugli autobus extraurbani, anche quelli turistici, sui taxi e su auto e bus a noleggio con conducente. Il metro di separazione obbligatoria tra un passeggero e l’altro, e quindi l’alternanza di posti a sedere, resta invece in vigore su tram e bus del trasporto urbano e sulla metropolitana.
Dopo il caos dei giorni scorsi, sui treni tra Piemonte e Liguria dove il distanziamento è già stato abolito da due settimane con i passeggeri in overbooking costretti a scendere a Savona e proseguire in autobus il viaggio verso il Piemonte, il presidente Alberto Cirio ha emesso l’ordinanza che allinea le regole nelle due regioni. Resta invece il distanziamento in Lombardia, con l’ipotesi che sui Torino-Milano si debba ridurre il carico di passeggeri una volta superato il confine lombardo.
L’eliminazione del distanziamento si basa sul parere dei tecnici sanitari dell’Unità di crisi regionale che hanno messo a punto una serie di linee guida per passeggeri, personale e mezzi di trasporto. Possono essere occupati tutti i sedili, ma non è possibile viaggiare in piedi. Vietato poi appoggiare materiale, borse e oggetti sui sedili di fronte e di fianco, anche se liberi. Sui mezzi devono essere garantite entrata e uscita separate. Tutti i passeggeri devono utilizzare dispositivi di protezione delle vie respiratorie, come la mascherina chirurgica o la mascherina di comunità e igienizzare le mani. E’ proibito usare il trasporto pubblico se si hanno sintomi di infezioni respiratorie acute, come febbre, tosse, difficoltà respiratorie.
I mezzi, treni o autobus, devono essere puliti e disinfettati pulizia, alla fine di ogni corsa, con particolare attenzione alle superfici toccate più di frequente e ai servizi igienici. Deve poi essere assicurato il ricambio dell’aria. Finestrini aperti, dove è possibile, e tempi più lunghi di apertura delle porte alla fermata per consentire il ricambio dell’aria.