Il 19 in Piemonte

Ecco la nuova ordinanza per i turisti che rientrano in Italia.

2 min read

Dopo le pressioni di Piemonte, Emilia Romagna, Puglia, Campania e Sicilia, il ministero ha firmato un’ordinanza che impone il tampone obbligatorio e l’isolamento di 14 giorni per chi rientra in Italia da Spagna, Grecia, Croazia e Malta. A fronte dell’aumento cospicuo dei contagi in questi paesi, il Piemonte e le altre regioni avevano deciso già autonomamente di imporre restrizioni ai vacanzieri di ritorno dall’estero.

I numeri relativi ai contagi sono tornati a salire anche in Italia con un abbassamento dell’età media di chi risulta essere positivo, e sono numerosi i focolai causati da chi rientra dopo una vacanza all’estero.

Nel dettaglio l’ordinanza prevede che chiunque rientri in Piemonte dai paesi in questione dovrà fare un test molecolare prima della partenza da mostrare al proprio arrivo oppure segnalarsi subito all’Asl del territorio per sottoporsi al tampone entro le 48 ore dal rientro su territorio nazionale. In caso di insorgenza di sintomi covid-19, resta fermo l’obbligo per chiunque di segnalare tale situazione con tempestività all’autorità sanitaria chiamando i numeri telefonici appositamente dedicati e di sottoporsi a isolamento.

L’ordinanza prevede inoltre che le persone in arrivo dagli stati indicati “anche se asintomatiche, sono obbligate a comunicare immediatamente il proprio ingresso nel territorio nazionale al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio. In caso di insorgenza di sintomi covid-19, resta fermo l’obbligo per chiunque di segnalare tale situazione con tempestività all’Autorità sanitaria per il tramite dei numeri telefonici appositamente dedicati e di sottoporsi, nelle more delle conseguenti determinazioni dell’Autorità sanitaria, ad isolamento. Nell’ordinanza sono anche inclusi i viaggiatori che tornano dalla Colombia.

Rimane l’obbligo di sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario per le persone che intendono fare ingresso nel territorio nazionale e che nei 14 giorni antecedenti hanno soggiornato o transitato in Romania o in Bulgaria. Restano invece consentiti, senza necessità di motivazione e senza obbligo di isolamento al rientro, gli spostamenti da e per i Paesi UE, Schengen, Regno Unito e Irlanda del Nord, Andorra, Principato di Monaco.